Baglio Bonsignore: vini e tipicità di Agrigento

Cantina Baglio Bonsignore al SorsiAperiWeb

Abbiamo avuto il piacere di conoscere Debora Greco in occasione di un #SorsiAperiWeb digitale che abbiamo tenuto su Facebook e Instagram il 19 e il 20 giugno. Debora e suo marito Luigi hanno fondato la cantina Baglio Bonsignore nel 2016 a Naro, in provincia di Agrigento. Baglio Bonsignore è un’azienda biologica che lavora rispettando l’ambiente naturale e cercando la massima sicurezza alimentare. Altrettanto importante per la cantina è la trasmissione della sua storia, sia dal punto di vista della famiglia sia da quello più ampio del territorio. In effetti, oltre che produrre e vendere vini, Debora e Luigi amano parlare della cultura del vino e delle tradizioni della loro terra. E hanno deciso di portare avanti queste attività di comunicazione insieme ad altre aziende locali che condividono i valori di Baglio Bonsignore e che hanno deciso di offrire a clienti e visitatori esperienze enoturistiche varie e articolate.

I vini di Baglio Bonsignore

La cantina (attualmente in fase di ristrutturazione) si trova a circa 450 metri sul livello del mare. I terreni che ospitano i vigneti sono mediamente calcarei e argillosi, e godono di un’ottima escursione termica fra notte e giorno che contribuisce a donare a ogni vino acidità e freschezza.

 

Azienda Baglio Bonsignore

 

Oi Grillo, Sicilia DOC 2018

Questo vino si ottiene da sole uve Grillo vendemmiate nella prima decade di settembre. La vinificazione in bianco è realizzata a temperatura controllata. Il vino affina poi per 3 mesi in acciaio e 2 mesi in bottiglia.

Di un colore giallo paglierino con qualche riflesso verde, al naso regala sentori di agrumi, frutti tropicali, papaya e mandorle tostate. All’assaggio, ritroviamo mineralità, sapidità e freschezza, con una buona struttura e un finale lungo.

Ideale come aperitivo, ma anche per preparare cocktail, come per esempio “Lugò”, suggerito dalla stessa Debora, che prevede il mixaggio di Oi Grillo con uno sciroppo di fiori di sambuco, selz o acqua frizzante.

 

Io Nero d’Avola, Sicilia DOC 2018

Il Nero d’Avola è vendemmiato durante la seconda decade di settembre. Dopo la pigia-diraspatura, parte la fermentazione in vasca di acciaio inox, che dura 6-8 giorni alla temperatura controllata di 26 °C. Venegono effettuati quattro rimontaggi al giorno, che permettono al mosto di rimanere bene in contatto con le bucce. Il vino affina per 8 mesi in vasche di acciaio e poi in bottiglia per 3 mesi.

Di un colore rosso rubino intenso, questo Nero d’Avola ci conquista al naso con sentori di frutta rossa e spezie (pepe nero). In bocca spiccano dei tannini delicati, mineralità ed eleganza. Il finale è lungo e persistente.

Ottimo per accompagnare la cacciagione e le chiacchiere con agli amici.

 

Cubbùro Nero d’Avola + Syrah, Sicilia DOC 2017

Le uve che compongono il Cubbùro sono vendemmiate in due tempi diversi: il Syrah, durante la prima decade di settembre; il Nero d’Avola, nella seconda decade del mese. Alla pigia-diraspatura segue la fermentazione in vasche di acciaio inox per 15-20 giorni a una temperatura controllata di 26 °C. Il mosto rimane a contatto con le bucce. Affina per 1 anno in barrique d’Allier e poi in bottiglia per 6 mesi.

Nel bicchiere ritroviamo un colore rosso granato intenso. I profumi ricordano i frutti di bosco (mirtilli rossi e ribes) ma anche la ciliegia e la rosa, insieme a note balsamiche e liquirizia. I tannini morbidi e la buona mineralità lo rendono un vino elegante e armonico.

Da degustare insieme a formaggi stagionati, ma anche con tonno e piatti di pesce elaborati. Da provare insieme al cioccolato, come ci ha suggerito la nostra ospite.

Spero di rincontrare di persona i nostri amici di Baglio Bonsignore e di programmare insieme a loro una visita del territorio di Agrigento. Sono certa che scoprirò meravigliosi sapori e profumi che poi condividerò con te.

 

Vuoi far conoscere i tuoi vini? Contattami via mail: susana@sorsidiweb.com

 

Related posts

Leave a Comment