Degustazione: il BellaRosa di Ferruccio Deiana

Sardegna degustazione del vino rosato

Non è strano che anche nel mese di luglio capitino giornate nuvolose. E nemmeno che capitino nei weekend. Ma dovevano capitare proprio nel weekend in cui speravamo di poter fare un po’ di mare? Per fortuna, la nostra piccola cantina riservava una piacevole sorpresa, il BellaRosa Isola dei Nuraghi IGT Rosato di Ferruccio Deiana. E così non pensiamo più al brutto tempo e invece ci ricordiamo del meraviglioso mare sardo. Dobbiamo attendere ancora qualche giorno, ma poi finalmente lo rivedremo.

Ferruccio Deiana

L’Azienda Vitivinicola Ferruccio Deiana è una realtà solida del mondo del vino in Sardegna. Ferruccio, il fondatore, l’ha condotta negli anni con mano esperta e appassionata, finché nel 2014 si è unito all’avventura anche Dario, suo figlio, fresco di laurea in enologia e viticultura e armato di un grande entusiasmo.

Ho conosciuto Ferruccio qualche anno fa, durante la grande fiera Prowein a Duesseldorf. Avevo assaggiato alcuni dei suoi vini classici, fatti da uve autoctone sarde come Cannonau, Monica o Vermentino, che mi avevano colpito per la loro capacità di esprimere perfettamente il territorio e la filosofia aziendale (modernità al servizio della tradizione). E poi, in compagnia del formaggio di pecora, della salsiccia sarda e del pane carasau, mi dimenticai di essere nella Germania del Nord!

Quest’anno, ho avuto l’occasione di scoprire un prodotto di Deiana che non conoscevo ancora, cioè appunto il BellaRosa, un vino rosato ottenuto dall’uva locale Bovale. Mi sono proprio affezionata al Bellarosa. Il fatto è che, a ogni sorso, questo vino racconta davvero bene la Parteolla, cioè la terra in cui nasce. È un angolo di Sardegna che gode di un clima piacevole, con inverni miti ed estati calde ma ventilate. Il mare, come quasi ovunque in Sardegna, è a pochi kilometri e, anche se non si vede, se ne percepisce sempre la presenza.

Degbustazione vino Bellarosa

Questo rosato richiama dunque l’incontro con la terra di Ferruccio e di Dario. Ti porta alle orecchie racconti di paese, suoni e rumori della campagna, echi del mare, la passione di chi ama queste terre e le vive tutti i giorni.

Un colore rosato tenue e invitante colpisce lo sguardo. Gli aromi freschi, fruttati e di rosa rossa, si presentano in maniera elegante appena si avvicina il bicchiere al naso. Mentre si assaggia, si percepisce un gusto secco, armonico e lungo, come un tuffo in acqua all’ora del tramonto.

L’aperitivo con amici è ideale per gustare questo rosè. Ottimo anche con antipasti, primi di pesce, o carni bianche. Adesso tutto ciò che mi manca è abbinarlo all’itinerario delle mie prossime vacanze in Sardegna!

Related posts

Leave a Comment